L’Africa è un continente di molti vulcani attivi. I turisti non ci pensano spesso, poiché vengono principalmente ad ammirare gli animali selvatici. Ma questa terra, che ha dato i natali al resto del mondo, è la fornace dove tutto è stato forgiato. È abbastanza naturale trovare vulcani qui, anche se la maggior parte di essi sono raccolti lungo la costa orientale tra Uganda, Ruanda e Congo. Ufficialmente, ci sono solo tre vulcani in Congo: il Monte Mikeno e le “montagne gemelle” Nyiragongo e Nyamuragira. Ma lungo la catena dei vulcani Virunga ci sono coni che il Congo condivide con il vicino Ruanda. Il monte Karisimbi, per esempio, e il monte Bisoke. Quindi, se vi piace questo tipo di avventura, potete fare trekking su cinque vulcani nel territorio di questa nazione.

I vulcani del Congo

I vulcani del Congo appartengono alla catena dei Virunga, un insieme di 8 vulcani attivi – che si elevano per oltre 3000 metri slm – inclusi oggi in un grande Parco Nazionale. Il posto è bellissimo anche per le foreste pluviali, i fiumi e, naturalmente, gli animali locali. Ma se vi piacciono le attività sportive, provate a scalare uno di questi affascinanti vulcani.

Monte Mikeno, 4437 m slm. Uno dei vulcani più attivi della catena.
Monte Bisoke, 3711 m. sopra il livello del mare. Questo vulcano condiviso con il Ruanda è “dormiente” da secoli in questo momento, ma è ancora attivo sottoterra.
Monte Karisimbi, 4507 m slm. Questa è la vetta più alta di tutta la catena, come fa ben capire la neve eterna sulla sua cima. Il nome, infatti, significa “piccolo uovo bianco”.
Nyiragongo, 3470 m slm ha in cima un cratere unico molto grande, sempre riempito da un lago di lava. Di tanto in tanto, il Nyiragongo provoca una grande eruzione che può anche uccidere gli abitanti dei villaggi circostanti.
Nyamuragira, 3058 m.slm, il “fratello gemello” di Nyiragongo è molto attivo ed erutta ogni due o tre anni.

02 vulcani congo2Vulcani del Congo, dove fare trekking?

Tutti e cinque i vulcani nel territorio nazionale del Congo sono ricoperti da una foresta pluviale selvaggia. Quindi occorre pianificare il trekking o l’arrampicata durante le stagioni secche – da marzo a maggio, da ottobre a dicembre. Se volete solo esplorare un ambiente diverso e ammirare gli animali, i posti migliori saranno Bisoke o Karisimbi. Entrambi sono in un lungo periodo “tranquillo”, coperti di verde e neve, e si può salire in cima lentamente, senza alcuna fretta.

Mikeno, Nyiragongo e Nyamuragira sono attivi e imprevedibili. Quindi è meglio che ascoltiate i consigli delle guide locali prima di andare. Se è sicuro, probabilmente vi porteranno in cima al Nyiragongo. Questo perché per il Mikeno la strada è più difficile da percorrere e il Nyamuragira non è così affascinante. Solo Nyiragongo ha un lago di lava che ribolle continuamente all’interno del suo cratere. Sarà come guardare l’inferno!

Inoltre, il trekking sui percorsi del Nyiragongo è molto più facile. Ci vogliono dalle 3 alle 5 ore per arrivare in cima, ma potrete farlo attraverso sentieri larghi e pianeggianti. Quando arriverete in cima, siederete ad ammirare la luce brillante del lago di lava … una cosa rara, tipica solo di sei vulcani al mondo. Il trekking fino alla cima del Nyamuragira dura circa 4 ore e alla fine ammirerete il cratere e la vista sulla più antica foresta pluviale del Congo.

Non dimenticate …

Non dimenticate di indossare: pantaloni lunghi, scarpe alte/stivali, cappelli, giacche antipioggia, bastone da passeggio, crema solare, occhiali da sole, repellente per zanzare. Assicuratevi che i vostri abiti siano bianchi o grigi in modo da non essere individuati dagli animali selvatici. (traduzione dall’inglese di Grazia Musumeci)

02 vulcani congo3

ALL ACTIVITIES

OUR LATEST POST ON AFRICA