Come la Tanzania e il Kenya, anche l’Uganda è lo “stato dei safari”. I suoi incredibili paesaggi, la sua fauna selvatica, i suoi 10 bellissimi Parchi Nazionali ma soprattutto il grande Lago Vittoria ne fanno un vero paradiso per il turismo. E l’Uganda ha bisogno del turismo. Come sta affrontando questa nazione il problema della pandemia Covid 19? Può sembrare strano ma questo è uno dei “luoghi più fortunati” per quanto riguarda questo evento. I giornali lo chiamano “lo strano caso Uganda”, perché dopo 4 mesi di emergenza pandemica l’Uganda aveva solo 1000 persone positive al Covid. Alcuni di loro erano in ospedale, ma solo 2 sono morti – almeno come aggiornato a luglio 2020! Quindi sembra che possiate fidarvi dell’Uganda e pianificare il viaggio laggiù. Ma vediamo nel dettaglio.

La reazione anti Covid dell’Uganda

La reazione immediata dell’Uganda alla pandemia di Covid 19 è stata forte. Non appena la quarantena mondiale è terminata, le frontiere ugandesi sono state chiuse. Ciò significa che ogni singola persona che ha cercato di attraversarli è stata arrestata o rimandata a casa. In seguito le persone venivano controllate dai medici e – solo se negative al virus – potevano entrare in Uganda. Non così tante persone nel Paese hanno avuto sintomi negativi e non così tante hanno dovuto andare in ospedale. L’Uganda ha sicuramente la situazione migliore, per quanto riguarda lo sviluppo della pandemia.

Tuttavia, ciò ha fatto dimenticare facilmente alle persone le regole e presto le misure di sicurezza non sono state più utilizzate. Ad ogni modo, il governo ha tenuto chiuse a lungo le frontiere e leggi molto severe impediscono ai malati sospetti di muoversi nella nazione. Questo ha reso l’Uganda un Paese sicuro e il turismo è potuto ripartire. I turisti devono affrontare controlli e prove prima di essere sicuri di proseguire con i loro viaggi, ma è bene che siano vaccinati perché in Uganda si vaccina poco.

UGANDA AFTER COV2I Parchi Nazionali aiutano il turismo ugandese

Anche se l’Uganda ha avuto la situazione migliore e il rischio di infezione più basso, i turisti oggi devono fare molta attenzione. Molti di loro non possono lasciare la propria nazione, altri hanno paura, altri non sanno cosa fare. L’Uganda ha perso oltre 1,5 miliardi di dollari per lo stop alle attività turistiche e ora vorrebbe tornare ad essere un posto sicuro. Chi vi si reca dovrebbe sempre evitare le città, i principali eventi turistici.

Piccoli gruppi possono essere accompagnati da guide locali (tutte le guide devono essere testate contro il Covid prima di avvicinarsi alle persone) e i Parchi Nazionali sono i posti migliori da visitare. Il governo sta promuovendo incentivi ai parchi nazionali in modo che i turisti possano godere di sconti e vantaggi (ad esempio ingressi gratuiti) se scelgono un safari lì. Gli ampi spazi aperti delle montagne, dei boschi, delle pianure e del territorio intorno al Lago Vittoria proteggono i turisti da distanze troppo ravvicinate. Così possono fare dei bei viaggi senza pericolo Covid, ma esiste ancora il rischio di lockdown improvvisi.

Informazioni sul Covid in Uganda

Per avere informazioni utili e aggiornamenti sulla situazione del Covid 19 in Uganda, i turisti possono sempre controllare i siti web del proprio governo e chiedere prima di partire. Oppure possono chiamare la loro ambasciata a Kampala. Per favore, controllate il sito web www.health.gov.ug che è la linea diretta con la situazione locale della pandemia o contattate l’Ambasciata Italiana .

UGANDA AFTER COV3

ALL ACTIVITIES

OUR LATEST POST ON AFRICA